Archivi tag: musica

danimarca

“Quando Fridolin terminò il suo racconto il giorno spuntava grigio attraverso le tendine. Albertine non lo aveva interrotto neppure una volta con una domanda curiosa o impaziente.  Sentiva che egli non voleva, né poteva nasconderle nulla. Giaceva tranquilla con le braccia intrecciate dietro la nuca e tacque ancora a lungo, quando Fridolin aveva già finito da un pezzo.
Finalmente – era disteso al suo fianco – egli si chinò su di lei e fissando il suo volto immobile dai grandi occhi chiari nei quali adesso sembrava riflettersi il sorgere del giorno, chiese dubbioso e pieno di speranza: “Che dobbiamo fare, Albertine?”.
Lei sorrise, e dopo una breve esitazione rispose: “Ringraziare il destino, credo, di essere usciti incolumi da tutte le nostre avventure… da quelle vere e da quelle sognate”.
“Ne sei proprio sicura?” chiese Fridolin.
“Tanto sicura da presentire che la realtà di una notte, e anzi neppure quella di un’intera vita umana, non significano, al tempo stesso, anche la loro più profonda verità”.
“E nessun sogno” disse egli con un leggero sospiro “è interamente un sogno”.
Albertine prese la testa del marito fra le mani e l’attirò affettuosamente a sé. “Ma ora ci siamo svegliati…” disse “per lungo tempo”.
Per sempre, voleva aggiungere Fridolin, ma prima ancora che pronunciasse quelle parole, lei gli pose un dito sulle labbra e sussurrò come fra sé: “Non si può ipotecare il futuro”.
Rimasero così in silenzio, sonnecchiando anche, l’una vicino all’altro, senza sognare – finché come ogni mattina, alle sette bussarono alla porta, e, con gli abituali rumori della strada, con un vittorioso raggio di luce penetrato attraverso lo spiraglio della tenda e un chiaro riso di bambina nella stanza accanto, cominciò il nuovo giorno.”

Arthur Schnitzler, Doppio Sogno (Traumnovelle), 1925

inverno 2013, grandi stanze dorate, soffitti coperti di specchi, instabilità emotiva.

Annunci

sai cosa? la solennità

la solennità dei pianeti neri che non vedi, pesanti, che esplodono senza muoversi d’un millimetro. la fermezza delle proprie decisioni, di alcune. le orbite sempre uguali, ma che poi, pian piano cambiano, al ritmo degli australiani. al ritmo delle pagine che giri mentre studi nel parco. la solennità degli angeli neri, giganteschi, brutti e sapienti. il loro volo posato, la loro possenza. le nuvole rosse e nere, la luce fortissima che allaga il mondo.
la fermezza delle persone che inizi ad ammirare, la bellezza delle persone che già conosci.  le persone buone, con i cuori sui balconi in mezzo alle piante, e le persone che piangono per giorni e poi si comprano per la prima volta delle scarpe nuove per fare festa, in un modo o nell’altro. quelle che vogliono fare festa e quelle che vogliono rispetto.
la voglia di sorridere di tutti quelli che hai visto in un giorno, questo è quello che rende stupendo l’arrivare ai 27 anni. quello che rende stupendo lo schifo che provi e la rabbia, troppo poco pacati per essere angeli mostruosi, dei ricordi.
ricordi che tornano in pochi secondi, ma valgono davvero l’assenza di due padri? no.
nulla intacca la solennità del cammino di santiago de compostela.

di me

ascolterò questa per sempre, mentre cancellerò tutto

per stare bene

posso solo ricordare quando sentivo la musica e vedevo i colori, e i miei occhi si illuminavano e sentivo tutto dentro e tutto scoppiava ed era forte, e lì a torino poi è tutto così magico e la musica ha un altro profumo e la gente è diversa, e tutti sono giovani e tutti sono vecchi, e il sole riscalda ma in un altro modo, eppure ero solo, anche quella volta.

perchè poi stavo bene sì, ma in fondo mi immaginavo tutto. ma non voglio pensarci, voglio solo sapere che quello è un ricordo, e dentro c’è quel flauto, e l’autogrill, e le magliette colorate coi colori dell’arcobaleno che si scontra col sole e migliaia di cristalli cadono e il mondo diventa un kaleidoscopio e sorridi, e se ascolto santa maria de feira penso a tutto ciò e sorrido

l’autostrada porta sempre i miei sogni

facebook in a still life // biografie di due cinici repressi

A&A

aloe:

marco f. non esiste.
ho quindi deciso di intraprendere una nuova relazione di amicizia con lui, di iniziare tutto da capo. da oggi sono un suo vecchio amico di liceo. gli ho scritto sulla bacheca chiedendo come sta.
un giorno di questi gli chiedo se usciamo a prendere un aperitivo.
poi gli parlerò delle mie partite di calcetto, della mia ragazza, gli chiederò se sta ancora con la sua ragazza del liceo e se studia o lavora.
gli chiederò anche se percaso vuole uscire qualche sera, dato che faccio il pr posso vendergli qualche prevendita.
lui imbarazzato ti parlerà di me dicendo che sono uno stupido e ti linkerà il mio profilo, e tu leggendo i gruppi a cui sarò iscritto (forza milan, milan nel cuore, iscrivetevi se non volete facebook a pagamento nel 2011, te devi fa n’anfiteatro de cazzi tuaaaaaa!!!!!!, fiorentina, abbronzatura, contro il maltrattamento di cani e gatti, sonny bono abbigliamento, sardegna, SI AL CROCIFISSO NELLE SCUOLE, QLL KE SANNO KE EVA HA MANGIATO LA MELA XKE’ ADAMO NN LE HA DATO LA BANANA, …:: La vita è un brivido che vola via ::… e altri) capirai qual’è il mio livello culturale, guarderai le mie foto dove sono in vacanza a rimini nelle discoteche e leggerai i miei stati, densi di un simil-filosofeggiare condito con errori grammaticali, provincialismo e una forte chiusura mentale mascherata da finto buonismo.
al che mi penderete in giro, e lui comincerà a usare con me un tono sarcastico, che io non comprenderò per i primi tempi, proprio per la mia scarsa elsticità mentale.
poi comincerò ad offendermi, prendendo le sua frasi come offese ingiustificate e non mi farò più sentire, tornando a vendere prevendite ai miei amici veri, che lavorano da footlocker, nell’azienda del padre o studiano economia.
quando marco mi scriverà una parola in inglese gli dirò “marco, parla italiano, non fare il difficileeee”. le vocali finali allungate sono obbligatorie.

mei:

da oggi sono un’aspirante stilista anoressica, e updaterò ogni giorno il mio status sentimentale su fb, passando da “relazione complicata” a “single”. avrò per amici un sacco di pseudo borghesucci della tua adorata Milano bene, che mi taggheranno in foto fighe di sfilate fighe. i miei gruppi preferiti spazieranno da quelli di fan Andy Warhol, ai Beatles, alle macchine fotografiche analogiche degli anni 70. posterò un sacco di foto fighe in cui gioco tra le altalene di un parco di chissà dove insieme alle mie altre 3-4 amichette indie-alternative che studiano fotografia. i miei stati personali prevederanno citazioni di vari scrittori “in” – Bukowski, Kundera e perché no Orwell – ma anche di vari miti della moda e del cinema – Fellini, Audrey Hepburn, Yohji Yamamoto etc. 
continuerò così a lungo, finché non deciderò di sposarmi con il figlio di un imprenditore random che mi assicurerà ricchezza eterna e andremo a vivere nei pressi di Varese. avrò un aborto e commenterò il tutto con una frase di status criptica tipo “eri così piccolo e sei andato via”, così che tutti mi chiederanno “TESO’ MA CHE è SUCCESSO??? è UN SACCO DI TEMPO CHE NON CI VEDIAMO, Dì UN PO’…?”, ma io non cagherò nessuno. dopo alcune settimane ingoierò la mia bella dose di barbiturici accompagnata da un boccale stracolmo di Laphroaig e morirò in un lago di vomito, cicciona – perché nel frattempo, per via degli psicofarmaci, sarò ingrassata di 30 kg – e sola in un anfratto della mansarda della nostra villetta mentre mio marito se la fa con una sgualdrina conosciuta in un casinò di Dubai.

all’inizio la mia mente strana mi farà credere che marco sia qualcosa di vero. ma come ben sappiamo, non esiste. lo riterrò fotogenico per le sue particolari forme e lo farò sfilare con qualcuna delle mie creazioni primordiali. poi mi vergognerò della sua presenza e lo chiamerò Carlino, facendolo diventare il mio amico invisibile che mi accompagnerà fino alla morte.

aloe:

mei,
il tuo indie milanese con tanti capelli lo amo, e lo sai, perchè in fondo lo stimo.
la tua borghese, che mi piega, mi fa davvero schifo.
la odio.
odio quei ricchi vestiti male in case arredate con poco gusto dove situazioni familiari disastrate vanno a braccetto con nomi strani affibiati ai figli, che li fanno sembrare degli albanesi arricchiti.

spero che il tuo vomito non ti lasci scampo, lo meriterai.
e forse, una delle cose più tristi, sarà avere facebook a 30 anni e aggiornarlo quotidianamente (perchè il figlio è a 30+ anni nel borghese. nell’indie o nasce prima per sbaglio o non nasce)

la amiche di “TESO’ MA CHE è SUCCESSO??? è UN SACCO DI TEMPO CHE NON CI VEDIAMO, Dì UN PO’…?” saranno grasse e posteranno loro foto con occhiali da sole e frasi glitterate, o frequenteranno il quinto anno di magistratura.

forse ci incontreremo. se nel tuo periodo indie non ci capiremo mai e ci disprezzeremo. io ti riterrò strana e pericolosa, tu mi riterrai vuoto e inferiore. e avrai ragione tu.
se ci incontreremo dopo mi userai solo come conoscenza in più, giusto per avere qualche canna sulla soglia dei tuoi 30 e per farti dare l’indirizzo di un ristorante.
è anche possibile che se mi incontri non in quanto tamarro ma ragazzo preppy da università privata in provincia (tipo LIUC di fianco a casa mia) ci incontreremo a qualche festa e ogni tanto ci sentiremo.
forse ci scapperà pure una scopata nei cessi di un locale tipo l’old fashion di milano.

Chiara

mei:

sono Chiara, una studentessa di medicina al terzo anno. ho un fisico normale, capelli castani lisci fino alle spalle, non sono bellissima ma ho gli occhi a cerbiatta e per questo le persone mi ricordano. mi sono iscritta a FB perché studio a Padova ma vengo dalla provincia di Siena, e voglio tenere contatti con gli amici d’infanzia. vesto poco appariscente, ho giusto qualche foto in cui mi si vede alle feste in casa con le nuove coinquiline e nei viaggi che mi sono fatta – Parigi, Barcellona, Londra. la mia immagine è sempre la mia foto che sorrido guardando in basso in riva al mare, solo ogni tanto la cambio con su uno slogan da medico politically correct tipo “NO ALLA DENUNCIA DEI PAZIENTI CLANDESTINI – SIAMO MEDICI NON SPIE!” anche se medico in realtà ancora non sono. non sono schierata a destra o sinistra, ma ho quella particolare etica mediocre che caratterizza le tizie come me; per questo tra i miei gruppi compaiono “un sms per i bambini in africa”, “salviamo i cani abbandonati”, “DONAZIONI PER GREENPEACE – ISCRIVETEVI!” – in effetti ho anche una certa vena animalista. sono fidanzata da cinque anni con un ragazzo che studia ingegneria a Torino, ci vediamo ogni fine settimana. aggiorno il mio status personale ogni lunedì, dopo che lui se n’è andato, scrivendo frasi melense in inglese prese da vari pezzi di canzoni di grupipi easy listening ma non troppo compromessi – Coldplay, Kings of Convenience, Afterhours ma anche cantautori italiani – De André, tanto per citarne uno. passano gli anni e mi laureo in ginecologia, la mia aspirazione da quando ero una bambina. Sposo il mio fidanzato storico e torniamo a vivere in bassa toscana, nel villino compratoci dai miei genitori (anch’essi medici di professione). Da qui in poi la mia vita si trasforma nel canovaccio di un qualsiasi film di Muccino e non c’è più niente d’interessante da dichiarare, finché non moriamo e dopo qualche anno nessuno, tranne nostro figlio autistico, riesce nemmeno a ricordare i nostri lineamenti.

grazie per la partecipazione a Mei

mirror: di parenti, musica e identità. 1.2

le lacrime che sono appena scese mi hanno portato a scrivere ancora,

voglio capire cos’è questa sensazione, questo disgusto e questa tristezza che riesco a provare.

Stairway to heaven. I Led Zeppelin, un gruppo che rispetto ma non sono mai riuscito ad apprezzare. Ho sempre sentito la loro musica, non solo la loro, ma tutto il rock anni 70-80, i gruppi con quei pantaloni aderenti, capelli ricci, come qualcosa di fastidioso. I testi misteriosi, ammiccanti secondo le leggende al satanismo, la droga, il sesso, le chitarre. La melodia triste, la voce di un uomo che passa tra zaffate di chitarre acustiche o elettriche, le giacche in jeans. Mi fa paura. Mi vengono in mente i rolling stones, i kiss, o gruppi sconosciuti, perchè erano così tanti. I gruppi fantomatici dei film che però rappresentavano quel giro di soldi, droga e musica. La corruzione e il talento, la passione e la stupidità, l’ignoranza.
E mi viene in mente mio cugino, il pensare che sia nato 10 anni prima di me lo rende così diverso, così lontano. Le sue esperienze che non riesco ad accettare, la sua diversità che mi urta, quella che vedo come un’inferiorità calata in un assolo di chitarra e una birra, i suoi videogiochi, forse la sua solitudine. I videogiochi, i primi guerre stellari usciti, gli sparatutto dove venivi buttato in una dimensione fredda e ostile, le riviste di videogiochi, quella mania del nuovo che se rivista ora fa solo ridere, quelle impaginazioni antiestetiche, quella cultura underground che dagli anni 80 diventava sempre più viva nei 90, il game boy giallo e super mario, il suono freddo di quella macchinetta e le ore che lui ci passava con le cartucce passategli dagli amici.
Vedo il grigiore di quegli anni, della sua adolescenza e della mia infanzia. I canali regionali che trasmettevano vecchi cartoni che snobbavo per la scarsa qualità mentre lui ci si fiondava dentro.
E risentendo questa musica sento una malinconia continua, una depressione senza motivo, degli anni buttati tra inquinamento e consumismo, tra mode stupide e questi nuovi generi musicali. Eppure riesco ad apprezzare quelle mode frivole, nate poco dopo. Apprezzo la droga che girava nei party dei club kids anni 80 mentre disprezzo quella che girava nei backstage dei concerti il decennio prima. Sento questa musica cattiva, fredda, brutta come uno sputo su uno specchio.
Ma questo odio che provo per lei, per quest’epoca, mi affascina. Forse anche perchè vedo in lei quella virilità che mi fa paura, che rifuggo di continuo.

(…)

(mi viene poi da pensare a quanto nella vita non ci siano decisioni completamente giuste o sbagliate, a quanto più persone si possono essere rapportate ad una stessa situazione in modi diversi, chi con esiti positivi che con esiti negativi. e cosa mi impedisce quindi di tentare? il non poter più tornare indietro certo fa paura, ma tra lo stare male ora e lo stare male in futuro, esistono differenze?)

mana

ascoltavo un live di fever ray, suonava here before. e mi è venuto in mente di quando ero dall’altra parte del mondo, e nemmeno sapevo di esserlo.

wilder than moonlight,
smiling like sunshine

surrounded by forests and strangers
light unfolding through leaves
water and mud, natural playgrounds, myths and families

such a strong woman, such a hard life
moon

qui c’è di tutto. dai sogni più strani che abbia mai fatto alle situazioni più paurose che abbia vissuto.
l’essere circondato dallo stress e dalla paura, da situazioni assurde che hanno messo a dura prova le diverse generazioni di una famiglia.
ricordo solo pochi fotogrammi, sensazioni, luoghi, tutto sconnesso e lontano, e non posso più individuare the boundaries tra sogno e realtà.

ricordo l’odore di sandalo, i cartoni in inglese, la mia passione per vishnu, i templi, la foresta dietro casa che scendeva per la collina fino a chissà dove, l’asilo, la luce che inondava una grande sala piena di poster di tartarughe e sea landscapes. ricordo i batik e il grande negozio dove li vendevano, la strada per andare li, i centri commerciali immensi e pieni di giocattoli. lo slime con cui giocavo mentre mia madre parlava con una persona che più di dieci anni dopo avrei conosciuto e ammirato, un pullmino su cui abbiamo attraversato seasides e comuni, case dove leggevo libri tristi per bambini immerso in un ricordo viola. zanzariere e sconosciuti, mercatini dove immaginette di kali mi terrorizzavano, fiori di loto aperti in continuazione, ninfee e giardini botanici. litigi e piccoli traumi, il mio non essere me, il non conoscere nessuno. le nottate svegli, intere famiglie in una sola casa, Indra.
un nome troppo forte il tuo, forse. hai scatenato la tempesta, e poco prima ero con te. mame tame matakkaranne oea, loved you. 

mi torna in mente il canale di scolo dove giocavo ogni volta che pioveva, e l’argilla con cui costruivo piccoli vasi venuti male. il giardino con i cobra e le canne di bambù, i miei pennarelli e una coetanea, o forse una domestica. la vergogna e i vicini.

gli spettacoli e i carboni, il pera-hera, il fuoco e una casa bianchissima. storie di bambini che uccidevano i genitori per dare prova di coraggio, la sera e i templi su montagnette in città. il fiore che ispirò i dagoba e il candore dei fiori del matrimonio dei miei. il loro profumo, Chandra.

Il monsone all’arrivo dell’aereo, la casa e il fango, le pubblicità con i diavoli e i materassi. i cuscini. gli aerei e la notte. quella notte che era ovunque, in ogni cosa, ogni ricordo, ogni disegno.

i blocchi di zucchero trasparente, la sala, la salma. le storie di fantasmi e gli esorcismi, gli sguardi e le uova.

le lumache e i muri, i ricchi e i loro pavoni, le caramelle e mia nonna, e un pullman su cui ogni volta si rischiava la vita. una casa nuova e isolata, gigantesca, dove assistevamo al tramonto sul balcone mentre in casa i vasi di mia zia prendevano polvere.

guardavo mille camere attraverso uno smeraldo 

sento il suono della pioggia e ricordo la luce che filtrava tra le foglie.
non ricordo mio padre che era lontano, ma ricordo mia madre e la sua sofferenza, che al tempo non potevo capire.

ricordo la sua camicia a righe  i suoi capelli lunghi, i capelli che adoravo e con cui giocherellavo sempre

quei capelli non ci sono più. io non ci sono più. e in parte anche tu, Luna.
il tuo coraggio e la tua forza però ci sono sempre, anche quando non li comprendo. lo sento.
troppo diversi per comprendere le nostre menti, troppo vicini per non voler sempre tentare.
forse eri tu la luna che ogni sera guardavo, la luna che mi seguiva ovunque 

e che mi segue ancora